Cerca
  • Andrea Calandra

La dimensione del sensore in relazione all'aspetto finale dell'immagine



La dimensione del sensore influenza l’aspetto delle nostre fotografie. Sappiamo bene che un sensore grande ha una maggiore capacità di risposta alla scarsa luminosità: quando andiamo ad alzare gli ISO, cioè ad aumentare la sensibilità del sensore alla luce, questo riproduce un immagine con la presenza di “grana” o “rumore” direttamente proporzionale all’aumento della sensibilità stessa.

Questo avviene certamente in misura maggiore nei sensori più piccoli, ed ecco che in molti si pongono l’obiettivo di acquistare una macchina cosiddetta “Full Frame” (pieno formato, riferito alla dimensione della vecchia pellicola analogica), per avere una migliore qualità d’immagine. Questo è certamente vero, i sensori più grandi hanno fotodiodi (gli elementi che raccolgono la luce sul sensore), più grandi e ricevono quindi più luce.

Questo si traduce in immagini più pulite. Negli ultimi anno va però detto che alcuni brand di apparecchiature fotografiche, per non parlare dei produttori di cellulari, hanno puntato moltissimo sullo sviluppo dei sensori più piccoli, con risultati, sopratutto nell’ultima generazione di dispositivi, veramente strabilianti.

Ecco quindi che la differenza sulla resa qualitativa delle immagini si è enormemente assottigliata, quasi annullata alle sensibilità più basse, fino quasi a rendere indistinguibile la resa di sensori con diverse dimensioni, mentre salendo con la sensibilità, la differenza diventa via via più evidente.

La dimensione del sensore si porta dietro però altre differenze indirette sulla resa dell’immagine finale, che vanno considerate se stiamo scegliendo quale fa più al caso nostro.

Tanto per cominciare, una differenza da considerare è sicuramente la dimensione dell’apparato fotografico: un sensore di dimensioni minori necessita anche di obiettivi con dimensioni inferiori, cosa che nella portabilità garantisce un certo vantaggio; inoltre un’altra conseguenza correlata alla dimensione dell’obiettivo è la resa ottica della stessa lente. Sempre parlando di qualità finale dell’immagine, costruire otticamente un obiettivo molto luminoso, zoom o fisso che sia, richiede la realizzazione di cristalli ottici molto grandi e spesso la resa ottica non è uniforme su tutta la lente, questo è maggiormente vero sulle lenti più luminose (come gli f/1.4, f1.2,…) che tendono ai bordi delle stesse a perdere di incisività o essere soggette ad aberrazioni cromatiche. Sensori di dimensioni inferiori hanno lenti, anche molto luminose, più piccole ma con una qualità ottica eccellente, con inoltre costi più bassi.

Parliamo infine di un ultimo aspetto. Come sappiamo al diminuire delle dimensioni del sensore, gli obiettivi si comportano diversamente, entra in gioco il fattore di crop: una focale di 50mm è ottenibile con un sensore APS-C, più piccolo del Full Frame con un obiettivo con focale reale di 35mm (x1,5); mentre per ottenere i 50mm di focale su un sistema micro 4/3 che ha una dimensione del sensore della metà del Full Frame, necessitiamo di un obiettivo 25mm(x2).

Non tutti sanno che questo accade anche per quanto riguarda la profondità di campo: una scarsa profondità di campo che spesso si usa per isolare il soggetto dallo sfondo, ad esempio f/2.8, per ottenerla su un sistema micro 4/3, ha bisogno di un valore di diaframma di f/1.4.

Questo ha due conseguenze: la prima, è che lo sfocato ottenibile con ampie aperture su sistemi con sensori più grandi, è più difficile da ottenere sui sistemi più piccoli e oltre un certo livello non si può proprio andare.

La seconda conseguenza invece è che si può avere una maggiore estensione della profondità di campo, utilizzando diaframmi più aperti (quindi più luminosi). Esempio: un obiettivo micro 4/3 con apertura di diaframma f/1.4, si comporta di fatto con una profondità di campo di un f/2.8 riferito al full frame, pur mantenendo la luminosità f/1.4.

In conclusione, il sistema migliore non è quello con il sensore più grande, ma quello che ci facilita maggiormente, nel realizzare le immagini che vogliamo.

0 visualizzazioni
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
Immaginificio - via Melbourne 11, Roma
info.immaginificio@gmail.com